Rispondere ad un attacco omofobo con coraggio e soprattutto con il sorriso. Lo ha fatto Antonio, giovane andriese, che qualche mattina fa ha scoperto una imbrattata su un muro con una scritta figlia dell’ignoranza e della “poca lucidità” mentale. Un messaggio omofobo indirizzato a lui, arrivato dal nulla e ad opera di ignoti.

Antonio dopo aver scoperto quelle parole, ha risposto così: «Complimenti, complimenti ad alcune persone di questa città che purtroppo viene rovinata da ignoranti del genere, che pensano di togliere il sorriso a persone che sanno solo godersi la vita al meglio. Vi sentite più forti adesso? Siete i cosiddetti bulli? Beh no, vi rispondo io siete solo ridicoli, gente inutile […] sapete solo nascondervi non avendo nemmeno il coraggio di fare tutto ciò alla luce del sole. Questa mattina mi avete solo fatto ridere, sono un ragazzo circondato da persone mature e fantastiche e non sarà di certo qualcuno di voi a impedirmi di godermi la vita. Fatevi una vita provando ad essere meno tristi e penosi di quanto lo siate adesso».

Queste le sue parole. Antonio ha condiviso il suo messaggio sui social, postando anche la foto della scritta sul muro. Il giovane andriese ha chiesto di condividere «il più possibile», e il web ha risposto presente, sostenendo Antonio con il suo coraggio e soprattutto (come detto all’inizio) con il sorriso, quello che non ha abbandonato il suo viso nemmeno per un istante.