«Fin’ora, oltre a singole iniziative vedi buona volontà, abbiamo assistito alla paralisi della politica tradizionale, tra cambi di casacca, litigi, e la faccia tosa di chi ripropone la ricetta che ha fatto fallire Andria». Interviene così, in una nota, Vincenzo Caldarone di Andria Bene Comune.

«Queste ricette sono gusci vuoti, sena progetto e senza legittimazione nella gente. La pandemia ha aumentato i pericoli e la paura di futuro. Bisogna agire. A noi non interessa imporre candidature: siamo disponibili a convergere verso chi dà garanzie di contenuti, capacità e lealtà, anche assumendo le nostre responsabilità. Conta la squadra, il progetto, la trasparenza: nessuno fa miracoli dal solo.

RIBADIAMO 10 OBBIETTIVI E PROGAMMI DA DISCUTERE E CONDIVIDERE.
1. SICUREZZA, LEGALITA’ CIVILTA’ PER LE PERSONE, LE IMPRESE, L’AMBIENTE
2. LAVORO E DIGNITA’ DEL LAVORO INVESTIMENTI, SOSTEGNO ALLE IMPRESE , INNOVAZIONE E TRASFERIMENTO TECNOLOGICO: NO ALLA EMIGRAZIONE DEI GIOVANI
3. INVESTIMENTI, INFRASTRUTTURE, RIUSO DEL TERRITORIO E DEL TESSUTO URBANO
4. QUALITA’ E SOSTENIBILITA’ : SMART CITY, MOBILITA’, AMBIENTE ENEGIA RISORSE PER LA CITTA’
5. ANDRIA CAPOLUOGO: NEL TERRITORIO E VERSO LE ALTRE ISTITUZIONI AL CENTRODELLE RETI E DECISIONI DI INVESTIMENTO
6. COMUNITA’ SOLIDALE E LOTTA ALLE POVERTA’ VECCHIE E NUOVE
7. CULTURA , FORMAZIONE, BENI PUBBLICI E SENSO CIVICO
8. INNOVAZIONE E ATTRAZIONE INVESTIMENTI – RISORSE EUROPEE E RISORSE PRIVATE
9. RISANAMENTO FINANZIARIO, MORALE E FUNZIONALE DEL COMUNE
10. LA COMUNITA’ PROTAGONISTA: PARTECIPAZIONE, RETE CIVICA ATTIVA – GESTIONE DEI PROGETTI DAL BASSO

Per ognuno di questi, o altri, punti abbiamo proposte, progetti, Azioni da avviare e confrontare. Vogliamo farlo insieme. Le diverse iniziative avviate devono saldarsi in un progetto comune, riconoscersi reciprocamente, anche mantenendo le proprie diversità. UNA COALIZIONE CIVICA che non esclude nessuno, ma include a partire dai contenuti, dalla qualità delle persone e dalla lealtà verso Andria. Proponiamo a quelle realtà che hanno preso iniziative civiche di incontraci senza pregiudizi, per definire insieme regole, proposte e contenuti per un PROGETTO DÌ COMUNITA’. CI auspichiamo che si siano anche formazioni partitiche in grado di comprendere le priorità nuove della città ben vengano; per chiunque intenda replicare gli schemi già visti no: abbiamo già dato».