Andria tornerà alle urne il 4 e 5 ottobre per decidere chi tra Giovanna Bruno e Michele Coratella sarà il sindaco della città federiciana. Il primo turno elettorale ha consegnato al centrosinistra riunito sotto la candidatura di Giovanna Bruno il 38.1% mentre il Movimento 5 Stelle, questa volta accompagnato da una lista civica, si è attestato al 20.74% soffiando ad Antonio Scamarcio il posto per il ballottaggio. A seconda che vinca Giovanna Bruno o Michele Coratella, cambia completamente il panorama all’interno del consiglio comunale: alla vittoria di Giovanna Bruno corrisponderebbe l’assegnazione di 20 venti seggi così suddivisi: 7 postazioni al Partito Democratico, 5 ad Andria Bene in Comune, 5 ad Andria 3 Lab, 3 a Futura.

IL NUOVO CONSIGLIO COMUNALE DI ANDRIA SE GIOVANNA BRUNO VINCE IL BALLOTTAGGIO RISULTANO ELETTI NEI 20 SEGGI ASSEGNATI ALLA MAGGIORANZA:

7 CONSIGLIERI DEL PD
Giovanni Vurchio
Lorenzo Marchio Rossi
Giovanni Addario
Gianluca Sanguedolce
Michele Di Lorenzo
Viviana Di Leo
Gina Fortunato

5 CONSIGLIERI “ANDRIA BENE COMUNE”
Daniela Di Bari
Cosimo Farina
Pasquale Colasuonno
Raffaele Losappio
Emanuele Sgarra

5 CONSIGLIERI “ANDRIA LAB 3”
Marianna Sinisi
Ciccio Bruno
Salvatore Cannone
Tommaso Matera
Giovanni Vilella

3 CONSIGLIERI “FUTURA”
Cesare Troia
Mirko Malcangi
Michele Bartoli

ALL’OPPOSIZIONE: Scamarcio (candidato sindaco) con un consigliere Lega (Gianluca Grumo), uno a Fratelli d’Italia (Andrea Barchetta), uno alla lista Scamarcio Sindaco (Nicola Civita) ed uno a Forza Italia (Donatella Fracchiolla). Per Coratella, perdente al ballottagio, ci sarebbe il suo seggio oltre a tre del Movimento 5 Stelle con Doriana Faraone, Vincenzo Coratella e Nunzia Sgarra. In consiglio anche Nino Marmo (candidato sindaco), oltre al rappresentante del Movimento Pugliese (Luigi del Giudice) ed uno di Andria Nuova (Marcello Fisfola).

Sorte completamente diversa nel caso di vittoria al ballottaggio da parte di Michele Coratelle e del Movimento 5 Stelle.

IL NUOVO CONSIGLIO COMUNALE DI ANDRIA SE MICHELE CORATELLA VINCE IL BALLOTTAGGIO RISULTANO ELETTI NEI 20 SEGGI ASSEGNATI ALLA MAGGIORANZA:

18 CONSIGLIERI M5S
Doriana Faraone
Vincenzo Coratella
Nunzia Sgarra
Vincenza Lasciarrea
Pietro Di Pilato
Francesca Di Bari
Alessandro Di Bari
Michele D’Amore
Francesco Cifaratti
Domenico Nocella
Franco Inchingolo
Tiziana Lopetuso
Maria Falcetta
Vitantonio Fasciano
Riccardo Suriano
Sabino Albano
Riccardo Quacquarelli
Riccardo Ruggieri

2 CONSIGLIERI MC2
Franco Di Pietro
Marianna D’Ettole

ALL’OPPOSIZIONE: Giovanna Bruno (Candidata sindaco) +2 PD (Giovanni Vurchio, Lorenzo Marchio Rossi) +1 ABC (Daniela Di Bari) e +1 ANDRIA LAB (Ciccio Bruno). Antonio Scamarcio (Candidato Sindaco) +1 Lega (Gianluca Grumo) +1 Fratelli D’Italia (Andrea Barchetta) +1 Scamarcio Sindaco (Nicola Civita). Nino Marmo (Candidato Sindaco) +1 Movimento Pugliese (Luigi Del Giudice).

In ogni caso resta fuori per una manciata di voti la candidata sindaco Laura Di Pilato.