Probabilmente anche Federico II di Svevia sarebbe uscito provato da un esilio così prolungato. Ma adesso l’isolamento è finito e l’antica dimora dell’imperatore è tornata ad accogliere i suoi ospiti. Fine del lockdown per il Castel del Monte di Andria che, dopo quasi 4 mesi di chiusura (causa Coronavirus) da questa mattina ha riaperto le porte ai visitatori.

Tra i 30 siti culturali più visitati in Italia ed oltre 250mila turisti registrati solo nel 2019 (queste alcune immagini precedenti al Covid), il maniero federiciano, patrimonio Unesco, era rimasto vuoto dall’8 marzo scorso, quando l’emergenza sanitaria aveva imposto la sospensione delle aperture al pubblico.

Adesso che il peggio sembra essere passato, il castello ottagonale torna ad essere accessibile a tutti, con la bellezza di sempre ma con qualche accorgimento in più.

Prenotazioni on line, ingressi contingentati (al momento non più di 18 persone per volta) e adesivi a terra per segnalare la distanza sono alcune delle misure adottate per garantire una visita in piena sicurezza.

Ma anche con qualche regola in più da seguire, il fascino del maniero federiciano resta quello di sempre. E a confermarlo sono proprio i turisti che al castello ci vengono e ci tornano volentieri.

Il servizio.