Per gli appassionati di astronomia si tratta dell’evento dell’anno e sono già con i telescopi pronti puntati sul Sole per osservare un fenomeno poco frequente: il transito di Mercurio sul disco solare. Oggi, lunedì 9 maggio, a partire dalle 13.12 (ora italiana) e fino alle 20.42 sul disco del Sole comparirà un puntino nero, come una macchia, che a differenza delle macchie solari vere e proprie che sono fisse, si sposterà lentamente sulla superficie del Sole.

Si tratta di Mercurio, il pianeta più interno e più piccolo del Sistema solare, che passerà davanti alla nostra stella. È un fenomeno non molto frequente, che avviene 13 o 14 volte in un secolo, e sarà visibile da tutta l’Italia. L’ultima volta è stato dieci anni fa e la prossima sarà l’11 novembre 2019. A causa dei movimenti reciproci di Mercurio, Sole e Terra, il transito di Mercurio sulla stella, anche a causa dell’inclinazione dell’orbita terrestre rispetto a quella del pianeta interno, non è molto frequente. Si può osservare solo nei mesi di maggio o novembre.

«Sarà un fenomeno molto lento e la fase più suggestiva sarà quella iniziale, quando vedremo il bordo del disco del Sole intaccato dal disco di Mercurio», è quanto spiega l’astrofisico Gianluca Masi, responsabile del Virtual Telescope che seguirà in diretta l’evento.

A partire dalle 13.12, dunque, occhi puntati verso il cielo. Per osservare il fenomeno bisognerà utilizzare telescopi o piccoli binocoli dotati degli opportuni filtri per attenuare la luce del sole e non causare danni alla retina.