Andria, numeri alla mano, resta una delle comunità più colpite dall’epidemia da Coronavirus di tutta la sesta provincia con quasi 1.400 attualmente positivi. Un dato allarmante che però non turba la coscienza di molti cittadini andriesi.

Da diversi giorni si registrano assembramenti serali, prima del coprifuoco delle 22, presso piazza Ardengo Soffici, comunemente rinominata dagli andriesi “Al Plaza”. Incontri per scambiare chiacchierate, bere una birra o fumarsi una sigaretta, il tutto in barba alle norme anti-contagio e ai continui inviti da parte del sindaco ad evitare qualsiasi tipo di assembramento in tutto il territorio cittadino.

Comportamenti irresponsabili e inaccettabili anche alla luce della presenza, a pochissimi metri dalla piazza “incriminata”, del Comando di Polizia Locale che in queste sere non ha mai provveduto ad effettuare controlli e a disporre sanzioni.

Andria, lo ricordiamo nuovamente, è situata in zona arancione e i cittadini possono uscire di casa solo e soltanto per comprovati motivi.