Da una parte c’è la necessità di cancellare gli ultimi 9 anni e riparare ai danni fatti dall’amministrazione di centrodestra; dall’altra quella di dare continuità ad un progetto di sviluppo vincente, realizzato negli ultimi 15 anni. È il doppio obiettivo, per Andria e per la Puglia, che il centrosinistra ha in mente di raggiungere in caso di vittoria alle elezioni del 20 e 21 settembre. La marcia di avvicinamento al voto ha fatto tappa nella città federiciana, dove il governatore uscente e candidato alle presidenza della Regione, Michele Emiliano ed il sindaco di Bari nonché presidente dell’Anci, Antonio Decaro, si sono dati appuntamento, nella sede di Materia Prima, per lanciare un messaggio verso il futuro: la Puglia ce la fa.

Un percorso di crescita, quello degli ultimi anni, che certo non è stato esente da errori (tipo la gestione delle politiche agricole) ma è proprio da quelli che si intende ripartire verso una Puglia migliore.

Una nuova pagina della storia amministrativa della città di Andria la vuole scrivere Giovanna Bruno, in corsa per la carica di sindaco.

Un progetto di rilancio da realizzare solo con il consenso delle urne: la partita elettorale si gioca su due tavoli: Comune e Regione, e il centrosinistra è convinto di poterla vincere.

Il servizio.