????????????????????????????????????

Nell’ambito dell’attività di prevenzione e controllo condotta dagli uomini della Polizia di Stato, particolare attenzione è dedicata ad alcune zone nevralgiche della città considerate maggiormente a rischio.

Nella serata di ieri, dal Questore di Bari dott. Carmine Esposito, è stata disposta un’attività di controllo straordinario del territorio nel centro storico di Andria, che ha visto l’impiego, oltre agli uomini del Commissariato, di diversi equipaggi del Reparto Prevenzione Crimine e di unità cinofile.

L’attività, che si inserisce in una più ampia azione di contrasto volta alla repressione della microcriminalità e delle variegate forme di devianza giovanile, ha riguardato, in maniera specifica, vari soggetti sottoposti agli arresti domiciliari od alla misura della sorveglianza speciale, le cui posizioni sono state controllate.

Sono stati eseguiti controlli a uomini e mezzi. Gli equipaggi impiegati hanno passato al setaccio le aree nelle quali si concentra la movida andriese. Nella circostanza, grazie all’impiego dei cani anti–droga, sono state eseguite perquisizioni domiciliari, durante le quali è stato tratto in arresto T.F., classe 1978, residente in Spagna, ma di fatto domiciliato ad Andria. In particolare, T.F. è stato trovato in possesso di 100 grammi di oppio, sostanza stupefacente mai sequestrata nel territorio di Andria. La sostanza è stata sottoposta a narcotest presso il Posto di Fotosegnalamento e Documentazione Scientifica del Commissariato di Andria.

Su disposizione dell’ A.G., l’uomo è stato ristretto presso la Casa Circondariale di Trani. Sono stati, altresì, eseguiti controlli a numerosi esercizi pubblici ed a soggetti sottoposti a misure cautelari e di prevenzione.

Sempre nel corso dell’operazione “Alto impatto”, condotta dagli uomini del Commissariato di Andria, per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente, è stato tratto in arresto A.L., 50enne andriese, con numerosi precedenti, anche specifici. Nel corso della perquisizione eseguita presso l’abitazione dell’uomo, abilmente occultati all’interno della canna fumaria di un camino posto in una pertinenza della casa, sono stati rinvenuti e sequestrati 3,314 chilogrammi circa di hashish. Su disposizione dell’ A.G., l’uomo è stato ristretto presso la Casa Circondariale di Trani.