Un’opera di circa 18 metri per 12, dipinta a mano con vernice ad acqua. L’omaggio a Lina Wertmüller da parte di Minervino Murge, la città dove la famosa regista, premio Oscar alla carriera, ha girato nel 1963 uno dei suoi più grandi capolavori: “I Basilischi”.

A realizzarla l’artista andriese Daniele Geniale, usando come tela la parete dell’ex cinema cittadino, oggi teatro. Un’idea nata nell’ambito di un progetto di valorizzazione urbana e rigenerazione culturale dal titolo “Crai e Poscrai”, fortemente voluto dal comune murgiano e che ha visto la collaborazione della Regione Puglia.

L’opera ritrae Lina Wertmüller con il volto parzialmente coperto da una delle tradizionali tende che sono parte integrante del paesaggio di Minervino. Sorridente, dall’alto di una finestra immaginaria, la regista si affaccia e rivolge simbolicamente il suo sguardo verso la città, per riscoprirla oltre mezzo secolo dopo la realizzazione del film.

Un regalo sotto forma di murale per la città di Minervino Murge, che a sua volta ha voluto ringraziare l’artista andriese con l’accoglienza tipica del sud.