Un protocollo sanitario e di sicurezza anti Covid da applicare in occasione delle elezioni referendarie, regionali e comunali che si svolgeranno domenica 20 e lunedì 21 settembre è stato predisposto dalle aziende sanitarie pugliesi, coordinate da Regione e Prefetture per prevenire il rischio di contagio e garantire lo svolgimento corretto delle operazioni elettorali anche per i cittadini positivi al Covid e in quarantena.

Al seggio, l’elettore per esercitare il diritto di voto deve indossare obbligatoriamente la mascherina chirurgica e dopo la votazione le schede dovranno essere depositate dall’elettore stesso nelle rispettive urne. Le matite saranno sanificate al termine di ogni operazione di voto dai componenti del seggio.

Tra le misure previste ci saranno gli accessi contingentati agli edifici che ospitano i seggi, tramite aree di attesa esterne e percorsi differenziati per ingresso e uscita. I seggi devranno inoltre garantire il distanziamento non inferiore a 1 metro tra i componenti dei seggi e gli elettori. Elettori, componenti dei seggi e rappresentanti di lista, chiunque acceda ai seggi, è tenuto ad indossare la mascherina. All’ingresso dell’edificio e di ognuno dei seggi saranno collocati dei dispenser con prodotti igienizzanti. I votanti, avranno l’obbligo di igienizzare le mani prima di ricevere la scheda elettorale e la matita e, successivamente al voto, prima di lasciare il seggio. L’elettore non deve uscire di casa e andare al seggio in caso di: sintomatologia respiratoria o di temperatura corporea superiore ai 37,5° C, contatto con persone positive al Covid-19 negli ultimi 14 giorni; quarantena obbligatoria o di isolamento domiciliare.

Possono votare anche i cittadini in quarantena, in isolamento fiduciario e in trattamento domiciliare. Il cittadino deve far pervenire al Sindaco del comune nelle cui liste è iscritto: una dichiarazione con la volontà di votare presso il proprio domicilio con l’indirizzo completo e un certificato, rilasciato dal medico dell’azienda sanitaria locale, quattordici giorni prima della votazione. Gli elettori che hanno fatto richiesta di voto a domicilio riceveranno a casa il seggio speciale composto da due scrutatori, adeguatamente formati e protetti.