«Siamo ben lieti che siano state accolte le nostre istanze e per questo ringraziamo il Commissario e coloro che si sono adoperati in tal senso. Con riferimento alla questione dehors e relative deroghe invitiamo gli uffici ad essere celeri nel rilascio delle autorizzazioni, per non vanificare gli sforzi fatti dalla giunta». Interviene così, in una nota, il Comitato Impresa Centro Storico Andria.

«Accogliamo di buon grado il provvedimento volto a stabilire le misure di controllo e vigilanza delle zone sensibili della nostra città.

Il presidio su aree pedonali, il controllo in aree vocate all’aggregazione giovanile, la sorveglianza di zone sensibili e di valore culturale della città, il divieto di mezzi elettrici su aree pedonali, sono attività fondamentali per garantire sempre sicurezza e incentivare una fruizione virtuosa e responsabile da parte di tutti, al di là della stretta oggi giustificata dal pericolo derivante dagli assembramenti e dal rischio contagio.

Auspichiamo in un approccio di collaborazione reciproco tra forze dell’ordine, esercenti e fruitori, affinché con buonsenso e reciproca disponibilità si possa operare nel rispetto delle norme e delle persone.

Chiediamo collaborazione da parte di tutti i fruitori della zona storica a non creare assembramenti, e a servirsi delle attività commerciali con rispetto e intelligenza.
Invitiamo tutti gli esercenti a rispettare le norme Anti-Covid e a mettersi in regola con le autorizzazioni».