Distretto Biologico dell’Alta Murgia: grande partecipazione alla costituzione del Comitato Promotore

Distretto Biologico dell’Alta Murgia: grande partecipazione alla costituzione del Comitato Promotore

Il documento di costituzione è stato firmato nella giornata di giovedì

Sono già circa cinquanta, tra Istituzioni, associazioni, operatori e imprese, i “protagonisti” che hanno aderito al Comitato Promotore del Distretto Biologico dell’Alta Murgia.

Il documento di costituzione è stato firmato ieri, nella sede del Parco Nazionale dell’Alta Murgia, durante un incontro molto partecipato e ricco del fermento e della voglia di emergere degli attori del territorio.

«Il Parco – afferma il presidente vicario Cesareo Troia – punta a essere un punto di forza per i protagonisti del territorio e un partner che accompagni i processi, accanto anche ai distretti che si stanno già costituendo sul territorio».

Il direttore del PNAM, Domenico Nicoletti, ha evidenziato come l’Ente Parco ritenga un dovere istituzionale stimolare la nascita del Biodistretto, attraverso l’aggregazione delle diverse realtà, mettendo al centro della propria azione coloro che il territorio lo vivono e sul territorio operano.

Il documento firmato ieri è parte integrante del Patto Ambientale Ecosistema Alta Murgia che la Comunità del Parco (composta dai sindaci dei 13 Comuni) ha approvato nel maggio 2018 e sottoscritto a novembre, durante il Festival della Ruralità: una visione da portare avanti lavorando insieme e rispondendo a una missione complessa e difficile, ma che può avvalersi della partecipazione e della collaborazione di tanti agricoltori, consumatori, pubblici amministratori e operatori.

Agricoltura, Ambiente, Economia, Cultura e Società interagiscono per realizzare un sistema alimentare, salutare, sostenibile e diversificato, ha spiegato Salvatore Basile, presidente della Rete Internazionale dei Biodistretti (INNER – International Network of Eco Regions) che terrà un congresso mondiale in Portogallo a luglio, durante il quale il Parco Nazionale dell’Alta Murgia presenterà il suo programma di azione #AltaMurgia2020.

I Biodistretti, o Distretti Biologici, ha poi aggiunto Giuseppe Orefice, segretario INNER, sono distretti della vita: una comunità che si auto-organizza per utilizzare al meglio le risorse del proprio territorio e quelle che vengono dall’esterno.

All’incontro hanno partecipato i rappresentanti dei Comuni della Comunità del Parco, quelli dei Comuni di Irsina, Laterza e Ginosa (che, pur non essendo parte del PNAM, stanno sviluppando progetti e collaborazioni con l’Ente), l’on. Nunzio Angiola, i rappresentanti dell’Università degli Studi di Bari (già in sinergia con l’Ente Parco in diverse azioni e pronta ad entrare a far parte del Distretto Biologico dell’Alta Murgia), i GAL, tante associazioni, operatori e imprese che hanno aderito al Comitato Promotore del Biodistretto e si preparano a lavorare in sinergia per un obiettivo comune.

Ed è proprio a loro che, in conclusione, Michele Della Croce, componente del Consiglio Direttivo del Parco Nazionale dell’Alta Murgia, ha voluto porgere «un sentito ringraziamento. Il nostro territorio offre tantissime opportunità. Il Parco vuole essere un punto di riferimento, un punto della rete per venire in contro alle necessità del territorio».