Una traversa, un palo ma anche un miracolo finale di Saracco per portare a casa un punto che muove la classifica dopo un finale di 2021 molto complicato. Riparte così la stagione della Fidelis Andria che a Vibo Valentia, campo decisamente ostico visti i precedenti con tre sconfitte su cinque gare, impatta senza reti mantenendo però la porta inviolata (non accadeva dalla vittoriosa trasferta di Pagani di metà novembre). Qualche sorriso ma anche un po’ di rammarico anche perché la Vibonese dell’ex D’Agostino è parsa squadra sorniona ma poco tecnica e molto leggera in attacco con il solo Ngom a dettare le danze ma con un ottimo Carosso sulla fascia sempre spina nel fianco della difesa ospite. Operazioni di gioco, invece, quasi sempre nelle mani della squadra di Ginestra che, squalificato, era assente assieme a Carullo anche per lui turno di stop del giudice sportivo. Squadra formata da tutti over con Bortoletti subito in campo dal primo minuto a centrocampo assieme ad Urso e Risolo. In attacco Di Piazza e Bubas. Gara davvero con tantissimi sbadigli sin dall’inizio, tanto il possesso palla Fidelis troppo orizzontale per provare a scardinare una Vibonese ben arroccata davanti a Marson. E le ripartenze sono l’arma in più dei padroni di casa che costringono Saracco, dopo circa 10 minuti, all’uscita tempestiva su Ngom lanciato a rete. Poche le azioni degne di nota ma la Fidelis ne ha una colossale al 37’ quando il cross di Casoli è preda perfetta della testa di Bortoletti che colpisce a botta sicura ma la palla si stampa sulla traversa. Grillo prova a dare vivacità ai suoi rientrando da sinistra, il suo tiro è deviato in corner da Riggio.

Praticamente null’altro nella prima frazione ma dagli spogliatoi torna in campo una Fidelis ancor più volitiva e con gli stessi undici in campo. E dopo poco più di 5 minuti è Di Piazza a ricevere da destra un servizio di Casoli, palla spostata sul sinistro e tiro potente che sbatte però sul palo alla destra di Marson per la disperazione ospite. Il doppio legno non cambia i piani di gioco e la lenta manovra biancazzurra imbriglia la Vibonese incapace di reagire. Ci prova anche Nunzella con un tiro mancino che non gira e finisce sul fondo. Diversi cambi per i due tecnici e ritmo sempre molto basso vista anche l’altissima posta in palio. Il neo entrato Ortisi in casa Fidelis, prova a rompere l’equilibrio con una bella avanzata ed il tiro da circa 20 metri che impegna Marson in tuffo. Nunzella ci prova direttamente su calcio di punizione dalla sinistra, palla alta. Ma in pieno recupero è Saracco a compiere il miracolo di giornata: calcio di punizione scodellato in area e Carosso di testa la devia bene sul palo più lontano ma Saracco con un colpo di reni chiude la sua porta ed il match sullo 0 a 0. Un punto che significa aggancio al Messina per i biancazzurri che domenica prossima, al “Degli Ulivi” affronteranno un’altra sfida salvezza questa volta contro il Campobasso prima del turno infrasettimanale contro il Catania.