Fidelis Andria, Fabio Moscelli non è più il Direttore Sportivo

Lo comunica la società andriese, a lui i ringraziamenti per il lavoro svolto

La notizia era nell’aria tra gli addetti ai lavori da qualche settimana. A renderla ufficiale, un comunicato di poche righe diramato nella mattinata di mercoledì 20 febbraio dalla Fidelis Andria. Fabio Moscelli non è più il responsabile dell’area tecnica del club.

“La società – si legge – comunica di aver interrotto il rapporto di collaborazione e ringrazia Moscelli per il lavoro svolto e gli formula i migliori auguri per il suo futuro professionale”.

Stop quindi al sodalizio maturato nella calda estate 2018, quando il club biancoazzurro si era rivolto all’ex attaccante, che ad Andria da calciatore era già passato in due occasioni, in C1 nella stagione 1999/2000 e soprattutto nella scalata dall’Eccellenza ai pro tra il 2013 e il 2015, contribuendo con 26 reti in 57 presenze al ritorno della Fidelis in serie C, per guidare l’area tecnica.

Moscelli era stato scelto per la ripartenza della Fidelis dopo il fallimento estivo in asse con mister Alessandro Potenza a fine agosto, per guidare una squadra nata in pochi giorni. I risultati – quinto posto, salvezza in tasca con 10 giornate di anticipo e squadra in piena lotta playoff – raccontano sin qui di una squadra che sta rendendo ben oltre le attese. Moscelli, allora, paga probabilmente un rapporto non più idilliaco con una parte della dirigenza biancoazzurra e con lo stesso Potenza.

Proprio le scelte operate nel calciomercato dicembrino, quando ad Andria erano arrivati Benvenga, Varriale, Carrotta e Siclari, sarebbero coincise con le frizioni maggiori. E il rinnovo del contratto sottoscritto con l’allenatore, arrivato il 14 gennaio dopo la vittoria di Nardò, era stato il primo segnale che il rapporto con Moscelli non sarebbe proseguito. Segnali che poco più di un mese dopo sono diventati realtà, per un rapporto concluso appena sette mesi dopo il suo avvio.