Martedì 11 giugno 2024, alle ore 19, presso la Sala Conferenze del Food Policy Hub nel chiostro San Francesco, si terrà un evento imperdibile per tutti gli appassionati di birre artigianali e per coloro che desiderano approfondire la cultura brassicola italiana e locale. Promosso dal Food Policy Hub di Andria in collaborazione con Slow Food, l’evento “Una Bionda Normale” offrirà un’occasione unica per sfatare miti e leggende sul mondo della birra artigianale e per scoprire la qualità dei prodotti locali.
L’evento vedrà la partecipazione di rinomati esperti del settore. Tra i relatori, ci saranno referenti della Condotta Slow Food Castel del Monte di Andria, e sarà occasione propizia per presentare la “Guida Birre d’Italia 2025”, un punto di riferimento per gli appassionati del settore.
Al dott. Nicola Fattibene, food policy manager, l’approfondimento “Leggiamo le etichette”, durante la quale verranno illustrate le piccole ma fondamentali differenze tra le etichette delle birre artigianali italiane e quelle delle produzioni industriali. Questo intervento offrirà ai partecipanti gli strumenti per comprendere meglio cosa si cela dietro un’etichetta di birra artigianale, favorendo l’accrescimento della consapevolezza e l’apprezzamento per le peculiarità di questi prodotti.
La serata sarà arricchita dalla presenza di Silvia Buono e Vincenzo Barile, mastri birrai del Birrificio Delta Esse di Andria. La loro esperienza e passione offriranno ai partecipanti un’immersione nel mondo della produzione artigianale locale.
Felice Fuzio e Anastasia D’Amato, degustatori professionisti e imprenditori premiati dalla guida “Birre D’Italia 2025”, condurranno un piccolo laboratorio di degustazione della birra stagionale prodotta. Questo laboratorio rappresenta un’opportunità unica per apprendere tecniche di degustazione professionale e per apprezzare le caratteristiche distintive delle birre stagionali.
L’evento, che promette di essere formativo e coinvolgente, è una tappa obbligata per chiunque desideri approfondire la propria conoscenza sulla birra artigianale e apprezzare la qualità e la diversità dei prodotti locali.