«Ho incontrato gli imprenditori della Zona PIP della nostra città e con i miei candidati abbiamo elaborato alcune importanti proposte». E’ quanto scrive in una nota la candidata a Sindaco di Andria, Laura Di Pilato.
«Per rilanciare la zona PIP crediamo si debba costituire un consorzio industriale tra Comune e aziende così da poter:
– ridiscutere la struttura della zona valorizzando i lotti inutilizzati con progetti discussi con le aziende;
– avere un’unica gestione dei servizi di vigilanza, sicurezza, pulizia e manutenzione abbassando i costi per tutte le aziende;
– forte abbassamento delle imposte comunali per le aziende che abbattono le immissioni inquinanti, che installano pannelli fotovoltaici e minieolico, che garantiscono il recupero delle acque e che promuovono la mobilità sostenibile per i propri lavoratori;
– creare servizi come ludoteca e asilo per i bambini dei lavoratori e delle lavoratrici, un’area parcheggio custodita, interventi costanti sul manto stradale e sui marciapiedi prevedendone il danneggiamento;
– gas, banda larga, pulizia delle strade e delle aree attualmente abbandonate: subito garantire questi servizi;
– un piano marketing consortile per pubblicizzare in tutta Italia e le aziende del consorzio con relativi servizi e prodotti per incentivare lo sviluppo delle aziende della zona;
– costruire stage professionalizzanti mettendo in connessione aziende e scuole per la formazione dei ragazzi e delle ragazze andriesi.
Queste sono le proposte che mettiamo in campo per difendere le nostre aziende nella zona PIP. Sono proposte concrete frutto dell’ascolto e di uno studio approfondito della questione.
Andria ha bisogno di rinascere mettendo in rete cittadini, aziende, imprenditori ed ente comunale».