La Florigel Andria vende cara la pelle, ma il derby della Bat è del San Ferdinando 1942

Finisce 1-2 al “Palasport”. Tortora apre le marcature, Albanese e Acocella la ribaltano

Si chiude con una immeritata sconfitta l’ultima difficile settimana della Florigel Futsal Andria. I biancoazzurri guidati del neo-tecnico Pasquale Bussola affiancato da Emanuele Fasciano, dopo l’esonero di Michele Bizzoca, giocano una gara tutto cuore al “Palasport” contro il San Ferdinando, ma alla fine a spuntarla è proprio la compagine ofantina di mister Russo dopo un’avvincente sfida. Davvero buona la prestazione del quintetto andriese che però incassa la quarta sconfitta consecutiva, la nona dall’inizio della stagione.

Gara subito vivace con azioni da una parte e dall’altra: clamorosa la traversa colpita da Somma al minuto numero 8, ottima la risposta di Leone sulle conclusioni prima di Ferrucci e poi di Lasorsa. Achille chiude la saracinesca e annienta gli attacchi dei gialloverdi. A metà frazione arriva il meritato vantaggio della Florigel: conclusione di Magno, respinta di Leone, palla nuovamente sui piedi di Magno che serve Tortora, bravo ad insaccare con una conclusione a fil di palo. Prima del riposo brivido per la difesa andriese con il palo colpito da Enzo Cassanelli, si va al riposo con l’Andria avanti 1-0.

Nella ripresa gli ofantini attaccano alla ricerca del pari, ma sono i biancoazzurri più volte ad andare vicini al raddoppio. Ferrucci trova l’opposizione di Leone in uscita, Tortora non trova il raddoppio con il tacco, il pallonetto di Magno sfiora il palo. Non sbaglia invece Albanese ben appostato sul secondo palo per la rete dell’1-1. L’Andria non subisce il contraccolpo e continua ad attaccare: De Feo a tu per tu col portiere gialloverde dopo un contatto finisce giù: il direttore di gara ammonisce il capitano andriese per la seconda volta e i biancoazzurri restano con uomo in meno. Nonostante l’inferiorità numerica la Florigel difende a denti stretti, Acocella colpisce il palo, poi nel finale accade di tutto. Mister Bussola schiera il portiere di movimento, Calabrese colpisce ingenuamente il pallone con la mano e anche lui viene espulso per doppia ammonizione. Il fallo commesso è il sesto per la squadra andriese e quindi tiro libero per il San Ferdinando. Dal dischetto più lontano ci va Acocella, Achille si oppone, ma la sfera termina ugualmente in rete ad un minuto dalla sirene.

Finisce con la vittoria del San Ferdinando e gli applausi convinti del “Palasport” per la Florigel Andria che non interrompe la scia di risultati negativi, ma dimostra di poter tornare a dire la sua in questo difficile campionato di C1.

Lascia un Commento