Finanziamento da 500mila euro per riqualificare la pineta di Castel del Monte: via libera dalla Regione

Previsti percorsi pedonali e per l’equitazione. Progetto presentato a gennaio scorso

Una buona notizia per il Comune di Andria che potrà usufruire di un cospicuo finanziamento per la riqualificazione della pineta di Castel del Monte. Si tratta di un progetto candidato ad un bando regionale nell’ambito di iniziative del settore turismo e presentato nello scorso mese di gennaio dall’allora amministrazione guidata dal Sindaco Nicola Giorgino. Nei giorni scorsi è arrivato il via libero definitivo da parte della Regione Puglia per un finanziamento da 500mila euro interamente a carico delle casse regionali e senza cofinanziamento dell’ente comunale.

Progettazione avvenuta ad inizio anno da parte degli uffici comunali assieme ai progettisti del Patto Territoriale Nord Barese Ofantino. La pineta del Castel del Monte, spesso al centro di interpellanze e proteste per lo stato di abbandono e degrado, prevederà invece percorsi pedonali e ciclabili ma anche dedicati all’equitazione. Percorsi che si integreranno con altri già realizzati all’interno del Parco dell’Alta Murgia e condurranno, in sostanza, al punto informativo ai piedi del maniero federiciano.

Il cospicuo finanziamento arriva al termine di una lunga procedura selettiva che ha visto coinvolti moltissimi comuni pugliesi nell’ambito del Patto per la Puglia ed in particolare del miglioramento delle qualità dei sistemi e servizi di accoglienza nel settore turistico. Nella BAT sono altre due le città che usufruiranno di un finanziamento e cioè Margherita e Canosa.

Il comune di Andria, nel frattempo, sempre per la zona di Castel del Monte e nello stesso periodo di questo avviso pubblico, ha candidato ad un altro finanziamento cospicuo la riqualificazione e ripartenza del Centro Ricerche Bonomo, attraverso anche la Fondazione Bonomo, per sviluppare all’interno della struttura ai piedi del maniero federiciano non solo ricerca ma anche servizi turistici. Il finanziamento richiesto è di oltre 3 milioni e 400mila euro.