Europee 2019: ad Andria M5S resta primo partito con il 35,39%, exploit Lega oltre il 25%

Europee 2019: ad Andria M5S resta primo partito con il 35,39%, exploit Lega oltre il 25%

Nelle preferenze stravince Salvini, seguono Berlusconi, Gentile e Silvestris

Il Movimento 5 Stelle resta il primo partito della Città di Andria con il 35,39% anche se perde consensi rispetto alle ultime elezioni Politiche. Un vero e proprio exploit lo ha avuto la Lega che vola al 25,67%, Distanti Forza Italia con il 13,41% e Partito Democratico con il 13,26%. Alle urne il 40,66% di elettori nella Città di Andria.

Nel partito pentastellato sono 479 le preferenze per Mario Furore, 339 per Rosa D’Amato e 314 per Maria Chiara Gemma. Il più suffragato della città federiciana è però Matteo Salvini della Lega con 1848 preferenze, seguito da Massimo Casanova con 1628 preferenze e Andrea Carroppo con 318. Bene anche Silvio Berlusconi con 1594 preferenze e Sergio Silvestris con 871 preferenze. Ottimo il risultato di Elena Gentile del Partito Democratico con 892 preferenze. Oltre 400 preferenza anche per Giorgia Meloni e Raffaele Fitto.

Nel dettaglio i risultati degli scrutini:

MOVIMENTO 5 STELLE (11.068) 35,39%
LEGA SALVINI PREMIER (8.028) 25,67%
FORZA ITALIA (4.195) 13,41%
PARTITO DEMOCRATICO (4.146) 13,26%
FRATELLI D’ITALIA (1.453) 4,65%
+EUROPA – ITALIA (779) 2,49%
LA SINISTRA (507) 1,62%
EUROPA VERDE (486) 1,55%
PARTITO COMUNISTA (146) 0,47%
POPOLO DELLA FAMIGLIA (137) 0,44%
PARTITO ANIMALISTA (94) 0,30%
CASAPOUND ITALIA (89) 0,28%
POPOLARI PER L’ITALIA (70) 0,22%
PARTITO PIRATA (43) 0,14%
FORZA NUOVA (31) 0,10%