Trapani-Fidelis: pari d’oro per gli azzurri di Papagni

Gol di Quinto in apertura, pari al 22′ su autogol di Colella

Finisce 1 a 1 con un ottimo punto conquistato dalla Fidelis Andria sul difficilissimo campo del “Provinciale” di Trapani. Fa tutto da sola, in realtà, la squadra di Papagni aprendo le danze e pareggiando con il colpo di testa beffardo di Colella nella propria porta. Squadre speculari in campo con il 3-5-2 e Calori che sceglie di affidare a Evacuo-Polidori il tandem offensivo. Per gli azzurri assenza di rilievo quella di Celli in difesa squalificato mentre esordio dal primo minuto per Tartaglia con Taurino-Lattanzio in avanti.

2018-04-15-PHOTO-00026379Parte subito forte la Fidelis che al 4’ trova subito il vantaggio: Lattanzio da destra su calcio di punizione serve alla perfezione in area Quinto che anticipa il suo marcatore e batte di testa Furlan. Esultanza e partenza shock per il Trapani che prova a riorganizzare la manovra ed all’8° trova un pertugio con Palumbo che calcia potente dal limite ma la sfera è deviata dalla difesa in corner. E’ Taurino, però, al 13’ a mostrare tutto il suo repertorio tecnico con uno slalom tra i difensori di casa prima della conclusione dal limite bloccata in due tempi da Furlan. La squadra di Calori, però, avanza con il proprio baricentro e con Bastoni di testa al 21’ dà solo l’illusione del gol ai propri tifosi. Rete del pareggio che arriva, tuttavia, su una clamorosa dormita della difesa ospite che combina un pasticcio tra Cilli e Colella, con quest’ultimo ad infilare la propria rete con una palombella beffarda su di un cross di Palumbo e nonostante il disperato tentativo di Abruzzese di evitare il pari. I ritmi si abbassano nonostante i diversi calci d’angolo conquistati dal Trapani senza mai incidere. Ed allora al 42’ prova l’incursione offensiva Tiritiello che avanza palla al piede incontrastato e calcia dai 25 metri con la sfera alta.

Pronti via e Fazio, sugli sviluppi di un calcio d’angolo, prova una spettacolare sforbiciata poco efficace perché ribattuta dalla difesa ospite. Al 48’ un perfetto cross di Tartaglia da destra mette Lattanzio di testa nelle condizioni di battere bene a rete con Furlan in presa plastica a toglier le castagne dal fuoco. Palumbo su punizione al 60’ prova a scuotere i suoi ma la sfera è deviata in angolo. Poi un minuto dopo è Marras cross da destra colpo di testa di Scarsella palla salvata da Cilli con Evacuo a ribatter praticamente da pochi passi ed il nuovo colpo di reni dell’estremo difensore che con il piede spazza via la sfera. Proteste vibranti però dei padroni di casa che chiedono il gol, ma il direttore di gara non cambia decisione ed assegna la rimessa dal fondo. Gara però sospesa per un paio di minuti a causa di alcune intemperanze dei tifosi di casa. Tanto nervosismo ed al arriva la replica azzurra su calcio di punizione al 71’ con il tiro di Lattanzio che da 20 metri supera la barriera ma anche di poco la traversa. Girandola di sostituzioni e ritmi decisamente più bassi nell’ultimo quarto d’ora con il Trapani anche se al 91’ è il neo entrato Steffè ad avere di testa un’ottima occasione murata da Abruzzese. Un solo minuto dopo è Murano con il piattone ad impegnare Cilli abile a bloccare a terra. Forcing finale dei padroni di casa nei sei minuti di recupero che non sortisce effetti e gara in parità per un altro piccolo ed importante passo verso la salvezza diretta per la Fidelis Andria.

Il tabellino di Trapani – Fidelis Andria
TRAPANI (3-5-2): Furlan; Fazio, Pagliarulo, Drudi; Marras, Scarsella (72’ Rizzo), Corapi (85’ Girasole), Palumbo, Bastoni (91’ Steffè); Evacuo, Polidori (72’ Murano). All. Calori. A disp. Pacini, Ferrara, Dambros, Canino, Aloi, Culcasi, Musso.
FIDELIS ANDRIA (3-5-2): Cilli; Tiritiello, Abruzzese, Colella; Tartaglia, Piccinni, Quinto, Esposito (65’ Lobosco), Lancini; Lattanzio (87’ Cappiello), Taurino (81’ Nadarevic). All. Papagni. A disp. Maurantonio, Croce, Scaringella, Ippedico, Liguori, Scalera.
RETI: pt 4’ Quinto (F), 22’ Colella aut. (T)
ARBITRO: Dionisi dell’Aquila.
AMMONITI: Fazio, Tiritiello, Drudi, Colella, Palumbo, Corapi.
RECUPERO: pt 2’; 6’.
SPETTATORI: 3550 di cui 60 provenienti da Andria.