25 anni dall’ordinazione sacerdotale, una “festa” di partecipazione per Don Gianni Massaro

«L’amore e l’affetto ricevuto ci tengono vivi e mi spingono tutti i giorni a donarmi a Dio ed ai fratelli»

Una Basilica di Santa Maria dei Miracoli forse troppo piccola per accogliere i tantissimi fedeli che nella serata di martedì hanno scelto di portare una propria testimonianza di vicinanza ed apprezzamento per una ricorrenza davvero particolare per la diocesi di Andria: esattamente 25 anni fa, infatti, il 5 dicembre del 1992 Don Gianni Massaro diventava sacerdote. A distanza di un quarto di secolo, come ha ricordato anche il Vescovo Mons. Luigi Mansi accompagnato sull’altare dal Vescovo di Cerignola-Ascoli Satriano Mons. Luigi Renna, c’è stata la celebrazione per il 25esimo anniversario, un momento di gioia ma anche di particolare e nuova responsabilità.

Don Gianni Massaro dal 2009 è Vicario della Diocesi di Andria scelto da Mons. Raffaele Calabro, Vescovo emerito recentemente scomparso, ma ha iniziato la sua attività sacerdotale come vicario della Parrocchia di San Riccardo nel dicembre del 1992. Poi diversi incarichi all’interno del Seminario Vescovile di Andria, luogo particolarmente caro allo stesso Don Gianni e luogo dove ha potuto coltivare la sua vocazione come ci ricorda lui stesso. Dal 2010 direttore dell’ufficio catechistico diocesano, nella serata di ieri, nel suo discorso di fine celebrazione, ha ricordato come ogni luogo in questi 25 anni ha permesso di incontrare volti, volti che presuppongono persone, persone che sono il motore dal quale attingere per adempiere nel migliore dei modi alla propria vocazione. Non casuale neanche la scelta operata per la Basilica di Santa Maria dei Miracoli.

Di festa e di racconto del Vangelo tutti i giorni ha parlato anche Mons. Luigi Mansi, in un’omelia in cui diversi sono stati i richiami del Vescovo. «La grandezza del signore che si serve dei piccoli per annunciare il Vangelo, annunciare la propria parola di pace».