Battiti Live, Montaruli: «Il cast s’ingrossa e la piazza è sempre più piccola»

Battiti Live, Montaruli: «Il cast s’ingrossa e la piazza è sempre più piccola»

Continua la polemica del Comitato Quartiere Europa per la scelta della location

Non accenna a placarsi la polemica inerente la scelta della location per lo spettacolo di Radionorba “Battiti Live” che si terrà domenica 30 luglio in piazza Catuma. E ad alimentare la stessa ci ha pensato il referente del Comitato Quartiere Europa Savino Montaruli dopo al scelta della produzione di ampliare il cast.

«In queste ore ci stanno giungendo persino “accuse” di aver sostenuto una posizione politica a proposito dello show Battiti Live che si terrà nella città di Andria domenica prossima. Ci preme precisare e sottolineare che abbiamo sostenuto e continuiamo a sostenere la tesi dell’assessore alla Cultura del comune di Andria, l’avvocato Luigi Del Giudice, perché l’assessore ha ragione, ha perfettamente ragione quando, alcuni giorni fa, ha dichiarato: “in base alle dimensioni della piazza e ai mezzi della produzione in piazza Catuma un numero limitato di cittadini avrebbe seguito lo spettacolo perciò la scelta politica dell’amministrazione è stata quella di trasferirlo in Largo Appiani per permettere la visione a più cittadini andriesi e forestieri. Per quel che riguarda Piazza Catuma non è stato posto alcun divieto da parte delle Forze dell’Ordine, ma semplicemente la stessa poteva ospitare massimo 2000 persone per un evento che ne richiama almeno il doppio. Apprendere, invece, che quelle dichiarazioni non sono state minimamente tenute in considerazione, nonostante l’assessore abbia parlato di “scelta politica”, dunque non parlava affatto a titolo personale, lascia tutti esterrefatti e molto disorientati. In questi giorni nessuna smentita è giunta rispetto a quella dichiarazione che parla di una capienza residuale della piazza Catuma di appena “2000 persone”. Questo cosa significa? Significa forse che tale capienza è stata certificata essere tale ma poi se ne prevede di metterne dieci volte tante? O forse può significare che l’accesso a Piazza Catuma potrebbe essere Off Limits a sole duemila persone? Con quale criterio? In base a quale preferenza? Sarebbe legittimo inibire l’accesso ad un luogo pubblico per assistere ad uno spettacolo gratuito? E la decantata sicurezza? Tante, tantissime domande cui nessuno si degna di rispondere. Tutti lì in attesa di conoscere cosa accadrà domenica sera, in piazza Catuma ad Andria. Intanto è stata emanata l’ordinanza sindacale restrittiva e sembra che più che assistere ad uno spettacolo musicale Andria si appresti ad affrontare una battaglia. Poiché si tratta di sicurezza, di pubblica incolumità e di libertà di accesso e fruizione pubblica, l’argomento ci sta a cuore, ci sta molto a cuore ed i silenzi di oggi non potranno essere le urla di domani. In queste ore è stato annunciato che il Cast si è arricchito di altri artisti. Ad Andria, infatti, oltre ai già annunciati Fabri Fibra, Nesli, Ermal Meta, Marco Masini, Tiromancino, Riki, Thomas, Gaia, Vals e Baby K saliranno sul palco di piazza Catuma anche Alessio Bernabei ed Elodie. Un Cast che si arricchisce sempre più di personaggi che attirano moltissimi giovani al punto che pare saranno in migliaia a raggiungere la città di Andria, giungendovi anche in pullman. Non abbiamo notizie circa un adeguato Piano Traffico per consentire anche la gestione di tali afflussi, anche di mezzi pesanti. Sicuramente a Palazzo San Francesco ci avranno pensato. A tutto il resto non vi hanno fatto caso ma almeno a questo dovrebbero averci pensato.
Piazza Catuma inadeguata? Si, molto inadeguata. Un’occasione sprecata per Andria e per chi vorrebbe vederla crescere ma la realtà è deludente, molto deludente».